’ANCFARGL (Associazione Nazionale Combattenti Forze Armate Regolari Guerra di Liberazione) fondata il 29 ottobre 1963, esprime i reduci dei quattro Gruppi di combattimento (Cremona, Friuli, Legnano, Folgore), più due di riserva logistica (Mantova, Piceno), sulla base dei quali – a partire dal 31 luglio 1944 – si è ricostituito l’esercito italiano. Equipaggiati, armati e inquadrati nell’esercito inglese, i Gruppi di combattimento hanno partecipato alle azioni militari sulla Linea Gotica e alla liberazione delle grandi città d’Italia. S’intende recuperare la memoria storica dei prigionieri di guerra italiani e dei militari di tutte le armi, dal 1° raggr. motorizzato al Corpo Italiano di Liberazione (C.I.L.), alle Divisioni Ausiliarie e ai Gruppi di combattimento. All’ indomani dell’ 8 settembre 1943, ben 530.000 militari costituirono il nucleo dello schieramento operativo combattente al fianco degli Alleati (V e VIII Armate). Migliaia di militari “sbandati” scelsero di aderire nelle formazioni partigiane. 640.000 furono i prigionieri italiani che, rifiutando il giuramento alla RSI, vennero internati nei campi nazisti. Partendo dalla viva voce dei soci dell’Associazione, ex-militari nella Guerra di Liberazione, intendiamo ripercorrere le tappe della riconquistata libertà.

PRIGIONI, Giuseppe

Prigioni Giuseppe (matr.7011) di Alessandro e Sampietro Rosa nato a Tromello (Pavia) il 26 giugno 1921 scompare nel 1988. Ausiliario militare alle dipendenze della 5° Armata americana durante la seconda guerra mondiale. Trovandosi impiegato come effettivo della 210^ divisione fanteria, 3^ Batteria del II/567 Reg. artiglieria (deposito 12 Reggimento in Nola) nel 1944, ha partecipato all’avanzata dell’esercito di Liberazione a Napoli, poi ad Anzio e per finire a Bologna. (a cura del nipote dr. Marco Ariatta) Share this… Condividi su…Facebook0TwitterLinkedinemail

Share this... Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Continua a leggere

MARI, Mario

Riportiamo il diario di Mario Mari nella sua integrità di fatti e di eventuali errori grammaticali. Buona lettura Chiamato alle armi il 10 gennaio 1941. La mattina del 10 gen. 1941 parto da Montecompatri in Tranv, alla stazione un abbraccio paterno di NELLO GENTILI mio datore di lavoro con gli auguri di tornare presto. A Roma mi presento al concentramento reclute in V. Dell’Ara Massima di Ercole, sono le ore 10, alla chiamata ricevo la cartolina di destinazione: (88° Reg. […]

Share this... Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Continua a leggere

8 dicembre 2015 | Sacrario di Monte Lungo

La battaglia di Montelungo fu combattuta durante la seconda guerra mondiale, nel corso della campagna d’Italia. Fu il primo episodio dopo l’armistizio di Cassibile che vide in azione una nuova formazione militare italiane del cosiddetto Esercito cobelligerante a fianco degli alleati. Il primo attacco degli italiani venne duramente respinto dai soldati tedeschi il 7 dicembre 1943 e ci furono sbandamenti; solo con l’intervento di reparti americani l’altura venne conquistata dagli alleati con un secondo attacco il 16 dicembre. I tedeschi […]

Share this... Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Continua a leggere

LODI Angelo

Romano. Nato il 6 gennaio 1916 nel rione di Campo Marzio scompare nel 1991. Ufficiale di fanteria di complemento (1936) e poi in s.p.e. nell’Arma Aeronautica, dove ha raggiunto il grado di Tenente Generale. Ha partecipato alla guerra 1941-43 e 1944-45. Incaricato di ricostituire l’Ufficio Storico dell’Aeronautica dopo la liberazione di Roma. Ha prestato servizio alla Segreteria Particolare de l Sottosegretario di Stato alla difesa, allo Stato Maggiore Aeronautica, al Reparto Volo S.M., allo SHAPE a Parigi, allo Stato Maggiore […]

Share this... Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Continua a leggere
1 2 3 4 34
error: Contenuto protetto !!