Guerra di Liberazione (1943-1945)

L’8 settembre 1943 con l’annuncio di Badoglio inizia una tragedia più grande della guerra appena conclusa. L’allontanamento del re, di parte del Governo e dello Stato Maggiore lascia il Paese privo di guida e pone l’Esercito e i cittadini di fronte a scelte decisive. Prende forma il fenomeno distinto di Resistenza ai tedeschi e di Guerra di Liberazione del territorio nazionale; in realtà un unico processo di reazione: gli italiani agiranno con l’obiettivo comune di liberare la Patria e riconquistare l’indipendenza nazionale.

Con tempestività i tedeschi apprestano una linea difensiva, la Linea Gustav, lungo l’Appennino meridionale, e occupano l’Italia centrale e settentrionale; nel meridione il Governo costituisce quello che viene chiamato impropriamente Regno del Sud. Le Forze Armate italiane sono divise in tre settori: l’Italia meridionale liberata, con il Governo legittimo, l’Italia centrale e settentrionale occupata dai tedeschi, e i Balcani, dove l’Esercito italiano è sotto i Comandi Militari tedeschi.

portasanpaolo

Roma, settembre 1943. Porta San Paolo

Nella capitale, con i combattimenti alla Montagnola, alla Magliana, a Porta Capena, a Porta San Giovanni, a Porta San Paolo e alla Stazione Termini, ha inizio una “nuova storia”. A Porta San Paolo si svolgono i combattimenti più cruenti, nel tentativo di impedire l’accesso a Roma dei tedeschi; soldati e civili si battono eroicamente, in una situazione disperata. È il primo atto di Resistenza di militari e civili, che, uniti da Onore e amore della Patria pagano, dopo 2 giorni di combattimenti, il pegno rispettivamente, di 414 e 115 morti. La Resistenza a Roma non è la sola: la Marina porta le sue navi in porti controllati dagli Alleati, l’Aviazione raggiunge il Sud, l’Esercito, anche se senza direttive, dà prova di valore in azioni isolate di vario rilievo; contemporaneamente, inizia il movimento partigiano.

Nel salone di palazzo Borbone, Caserta, a sinistra i delegati tedeschi, di fronte l'estensore del verbale delle tre firme e l'interprete tedesco, a destra il Generale Morgan e alle sue spalle anche il Generale Kislenko (con gli stivali).

Nel salone di palazzo Borbone, Caserta, a sinistra i delegati tedeschi, di fronte l’estensore del verbale delle tre firme e l’interprete tedesco, a destra il Generale Morgan e alle sue spalle anche il Generale Kislenko (con gli stivali).

Il 29 aprile 1945 alla presenza di ufficiali delegati inglesi, americani, tedeschi e di un osservatore russo, a Caserta, viene firmata la resa incondizionata che doveva diventare operativa a partire dal 2 maggio.

Nel documento stilato le forze armate tedesche erano associate a quelle della Repubblica Sociale Italiana in quanto essa, essendo considerato un Stato fantoccio e pertanto non riconosciuto dalle forze alleate, non era in grado di stipulare accordi diretti con queste ultime: per tale motivo il rappresentante tedesco era dotato di una delega scritta rilasciata dal Ministro della Difesa della RSI Rodolfo Graziani.

Share this... Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email