BARBINI Giovanni

barbini-giovanni026n. 25 giugno 1901 Venezia. Tenente di vascello R.S. cpl. (Ruoli Speciali complemento).

Conseguito il diploma di capitano di lungo corso nell’Istituto nautico di Venezia nel 1921, ed arruolato in anticipazione di leva quale allievo nautico fu nominato aspirante guardiamarina nel novembre 1922. Promosso guardiamarina nel giugno 1923, prestò servizio non continuativo su unità di superficie e subacquee e assolse particolari incarichi presso il Comando Militare Marittimo dell’Alto Adriatico, la Scuola specialisti di La Spezia, il battaglione S. Marco, e la Difesa Marina Militare di Pola, ottenendo le successive promozioni a sottotenente di vascello nel marzo 1927 e a tenente di vascello nel novembre 1936. Il 19 novembre 1919 assunse il comando del cacciatorpediniere Bassini, sul quale si trovava alla dichiarazione di guerra l’11 giugno 1940. L’11 novembre 1940 ebbe temporaneamente il comando del Fabrizi di scorta ad un convoglio nelle acque del Basso Adriatico. A missione compiuta passò a disposizione del Dipartimento di Venezia e fu ricoverato in ospedale per le ferite riportate. Promosso capitano di corvetta nel luglio 1941 e capitano di fregata nel gennaio 1943 fu collocato a domanda in ausiliaria speciale nel marzo 1947. Richiamato in temporaneo servizio nel settembre 1952 ebbe successive destinazioni in Sardegna, al Comando della Nave Scuola Ebe e al Dipartimento Militare Marittimo di Venezia. Passato nella riserva nel febbraio 1955, prestò ulteriore servizio fino al luglio 1956 e fu promosso capitano di vascello dal 1° luglio 1961. Dal settembre 1956 è Direttore del Centro Marinaro della Fondazione Giorgio Cini e Comandante della Nave Scuola Giorgio Cini del Centro stesso. Risiede a Venezia. E’ morto a Rosignano Marittimo nel 1998.

Altre decorazioni: trasferito in s.p.e. per m.g. (servizio permanente effettivo per meriti di guerra)  ( 1941 ).

Comandante di torpediniera in servizio di scorta ad un convoglio, avvistate nottetempo soverchianti forze navali nemiche, si lanciava all’attacco con immediata decisione ed audace manovra. Fatto segno ad intenso fuoco nemico, si portava a distanza utile di lancio, che non poteva eseguire per le avarie al materiale prodotte dal tiro avversario; reagiva allora in modo deciso con le artiglierie attirando su di sé l’offesa nemica per dar modo ai piroscafi del convoglio di porsi in salvo. Dopo aver messo in atto ogni mezzo a sua disposizione per infliggere al nemico il massimo danno, e quando ogni azione offensiva era resa impossibile dalle condizioni di galleggiabilità della torpediniera ormai compromessa e dalla menomata efficienza delle artiglierie, manovrava per condurre l’inseguitore lontano dal campo di azione e verso i nostri campi minati. Ferito ad una gamba fin dall’inizio del combattimentoe pur perdendo sangue in abbondanza, si faceva prestare i primi soccorsi sommari solo ad azione ultimata, continuando a tenere il comando della sua unità fino all’ormeggio in una rada nazionale. Magnifico esempio di coraggio sereno, di sprezzo del pericolo e di audacia senza pari. Basso Adriatico, notte sul 12 novembre 1940.


Gruppo Medaglie d’Oro al Valore Militare, Le Medaglie d’oro al Valore Militare, volume primo (1929-1941), [Tipografia Regionale], Roma, 1965, p. 451.

 

error: Contenuto protetto !!