FORZINETTI Aldo

n. 1914 Milano. Tenente cpl. A.A. (complemento Arma Aeronautica), pilota.

Laureatosi in giurisprudenza presso l’Università di Pavia e conseguito il brevetto di pilota civile, si arruolava nel settembre 1937 nell’Aeronautica. Nominato sottotenente di complemento e inviato alla Scuola bombardamento, vi conseguiva nell’aprile 1938 il brevetto di pilota militare e l’assegnazione al 10° stormo B.T. (Bombardamento Terrestre). Collocato in congedo nel luglio 1939 si dedicava all’azienda paterna iscrivendosi anche nella facoltà di scienze politiche nell’Università di Pavia che gli conferì, dopo la sua morte, la laurea ad honorem. Alla vigilia dell’entrata in guerra dell’Italia, veniva richiamato presso il 10° stormo a Gorizia. Obbedendo al suo impulso chiese di essere destinato alla specialità aerosiluranti e dopo avere frequentato il corso di addestramento fu inviato nell’agosto 1941 alla 281^ squadriglia aerosiluranti dell’Aeronautica dell’Egeo. Fu promosso tenente con anzianità 31 dicembre 1940 dopo la sua morte.

Figura superba di aerosiluratore, già circonfuso dall’aureola della gloria per precedenti vittoriose azioni, in suprema dedizione alla Patria, al vertice dell’umano ardire, attaccava in pieno giorno, una potente formazione navale nemica. Con la decisa volontà di penetrare entro la barriera del fuoco navale e contraereo per colpire più dappresso un grosso incrociatore, faceva del suo corpo, del velivolo e del siluro un’arma sola da scagliare contro l’obiettivo. Entro la cortina di ferro e di fuoco, con il velivolo già gravemente colpito, sganciava infatti il siluro e quindi precipitava con la sua gloriosa ala in fiamme sul Mare Nostro, fiaccola imperitura di luce italica. Cielo del Mediterraneo, 6 agosto 17 dicembre 1941.


Gruppo Medaglie d’Oro al Valore Militare, Le Medaglie d’oro al Valore Militare, volume primo (1929-1941), [Tipografia Regionale], Roma, 1965, p. 765.

 

error: Contenuto protetto !!