MIOTTO Guido,

n. 1909 Thiene (Vicenza). Tenente medico complemento, 52° reggimento artiglieria d.f. (da fortezza).

Ancora studente universitario nella facoltà di medicina, partecipò volontario come c.n. (camicia nera) al conflitto etiopico nel battaglione Curtatone e Montanara della Divisione Tevere. Rimpatriato nel giugno 1936 e laureatosi, fu trasferito a domanda nel Corpo sanitario militare col grado di sottotenente di complemento nel 1937. Dopo un breve periodo di servizio nell’ospedale militare di Verona, nel novembre 1938 parti per la Spagna col 2° reggimento bersaglieri, passando poi ad un battaglione della Divisione Frecce Verdi. Rientrò in Patria nel maggio 1939 e venne congedato. Richiamato dal 1° giugno 1940, fu al fronte occidentale con l’84^ sezione sanità, quindi, passò a domanda nella specialità paracadutisti. Trasferito successivamente al 15° reggimento artiglieria divisionale, il 20 marzo 1942 partiva per la Russia, destinato al 52° reggimento artiglieria. d.f.. Decedeva in prigionia a Vochi presso Stalingrado, il 31 marzo 1943.

Ufficiale medico di un gruppo di artiglieria divisionale, incurame del pericolo si prodigava nel raccogliere e curare i feriti e gli ammalati nei posti più avanzati e battuti, distinguendosi particolarmente durante duro ripiegamento. Catturato, si dedicava senza risparmio e senza preoccuparsi della sua incolumità tra innumerevoli ammalati di morbo contagioso, finchè, colpito egli stesso dal male, moriva nel compimento del suo dovere stoicamente compiuto. Fronte russo, dicembre 1942aprile 1943.


Gruppo Medaglie d’Oro al Valore Militare, Le Medaglie d’oro al Valore Militare, volume secondo (1942-1959), [Tipografia Regionale], Roma, 1965, p. 244.

 

error: Contenuto protetto !!