Rettore Univ. Roma Tre

Mario_PanizzaNel 2014 ricorrono cento anni dall’inizio della Prima guerra mondiale e settanta dallo sbarco delle truppe alleate ad Anzio, seguito dalla liberazione di Roma, avvenuta dopo quattro mesi di combattimenti con i soldati tedeschi. Il 1914 è una data che appartiene a un passato ormai lontano, del quale non può esserci memoria diretta, mentre il 1944 segna un momento il cui ricordo può avvalersi ancora di testimonianze di prima mano. Ed è proprio qui che risiede l’interesse di questo studio, che è andato a rintracciare racconti reali, vissuti in prima persona, di un’epoca che permette, anche attraverso la descrizione visiva dei cinegiornali dell’epoca, verifiche testimoniali. Sono pagine che racchiudono il realismo di chi, sopravvivendo, ha percorso quel tratto di strada, lungo quattro mesi, per giungere a Roma che, invece, al momento dello sbarco sembrava vicinissima. Dallo sbarco di Anzio alla liberazione di Roma racconta le tensioni dei singoli: la paura, la sofferenza per i soldati morti, la gioia per l’entusiasmo trovato in città.

Per tale ragione il gruppo di ricercatori che ha portato avanti questo lavoro si è rivolto a un racconto storico, affidato alla struttura narrativa, proprio per lasciare al lettore la sensazione di vivere quei mesi come se fossero cronaca.

Sono descrizioni “attuali”, ancora ben a fuoco negli occhi di quanti, nei primi anni Cinquanta, hanno toccato, da Montecassino a San Lorenzo, le macerie di una guerra impietosa, la cui memoria non può e non deve essere smarrita.

Mario Panizza
Rettore dell’Università degli Studi Roma Tre

Share this... Condividi su ...
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email