BIANCHI, Mario

Dopo l’otto settembre 1943, quali sono state le ragioni che l’hanno convinta ad essere prima partigiano (GAP) e, poi, in qualità di fante, nell’87° Rgt. fanteria del Gruppo di Combattimento Friuli?  Mi sono trovato preparato per entrare nei GAP ro­mani perché la mia fami­glia era di idee antifasciste. Mio padre, meccanico, aveva un’officina nel quar­tiere S. Lorenzo ove, tra le altre cose, curava la prepa­razione delle biciclette della squadra di Gi­rardengo. Questo lavoro lo aveva reso famoso nel quartiere, ma, […]

Share this... Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Continua a leggere

BISOGNERO, Riccardo

Entrato in Accademia nel 1941, ne esce col grado di Sottotenente dei Bersaglieri nel 1943 e partecipa alle operazioni in Francia, si sottrae alla cattura dopo l’armistizio e viene reimpiegato nel settembre 1944 nei ranghi del Gruppo di Combattimento ” Cremona” . Partecipa alle operazioni della Guerra di Liberazione e guadagna una Medaglia di Bronzo per la conquista di Cavarzere. Dopo la guerra ha avuto prestigiosi incarichi di comando: nel 1980 ha comandato l’ 8° reggimento Bersaglieri, dal 1977 al […]

Share this... Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Continua a leggere

BONTEMPI, Giuseppe

Nato a Massa il 14 marzo 1913 Quale figlio unico maschio, ero stato esonerato dal servizio militare di leva: nel 1935, a seguito delle operazioni di guerra con l’Abissinia fui chiamato alle armi e presentai domanda di ammissione al Corpo Allievi Ufficiali di Complemento. Fui assegnato al Genio Militare ed invitato a presentarmi alla scuola del 3° Reggimento Genio con sede a Pavia dove mi presentai il 1° giugno 1936. Il corso durò cinque lunghi mesi e il 01/11/36 fui […]

Share this... Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Continua a leggere

BORSELLINO, Antonio

N. a Campobello di Licata (AG) il 4 luglio 1930 (vivente). Mio padre, contrario al fascismo, per non farmi diventare “balilla” mi iscrisse ad una scuola di suore, le quali, volevano, giustamente, essere pagate. Oltre al sottoscritto, mio padre aveva altri 5 figli da mantenere. Quindi, venni iscritto ad una scuola comunale di Roma la “Enrico Corradini” oggi “Fratelli Bandiera”. Non essendo abituato alle “usanze” della scuola comunale (adunate del sabato), un lunedì mattina trovai a scuola un federale della […]

Share this... Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Continua a leggere
1 2 3 9
error: Contenuto protetto !!