LOVERA DI MARIA Annibale

n. 1909 Torino. Tenente complemento fanteria,64° reggimento fanteria.

Discendente da nobile famiglia di origine nizzarda, dopo avere compiuti i periodi di istruzione premilitare presso l’Università di Torino, entrava nella Scuola allievi ufficiali di complemento di Moncalieri nel luglio 1931 conseguendo la promozione a sottotenente nel dicembre successivo. Assegnato al 54° reggimento fanteria, veniva collocato in congedo nel gennaio 1933 e ripresi gli studi interrotti si laureava l’anno dopo in Economia e Commercio. Tenente dal gennaio 1939, l’anno seguente, alla vigilia della entrata in guerra dell’Italia, veniva richiamato in servizio, e, destinato al 64° fanteria mobilitato, partecipava dal 10 giugno 1940 alle operazioni di guerra sul fronte occidentale. Ferito gravemente nel fatto d’arme di La Villette in Val Savine il 23 giugno, decedeva quattro giorni dopo nell’ospedale da campo n. 120.

Comandante di un plotone mitraglieri, durante un vigoroso attacco a posizioni nemiche particolarmente agguerrite, spinto da impareggiabile audacia, infondeva, con calma mirabile e indomito coraggio, superbo spirito combattivo al proprio reparto. Ferito una prima volta, raddoppiava di ardore nel trascinare i suoi uomini alla lotta con l’animo proteso verso la vittoria. Colpito mortalmente da granata, rifiutava ogni soccorso, lanciando contro il nemico in fuga il grido di Viva il Re, Viva il Duce, Viva l’Italia, a testimonianzdella sua fede invitta e del suo sublime eroismo. All’ospedale da campo, nel supremo olocausto della vita, confermava ancora una volta le sue eccelse virtù militari. – Bramans, 23 giugno 1940.


Gruppo Medaglie d’Oro al Valore Militare, Le Medaglie d’oro al Valore Militare, volume primo (1929-1941), [Tipografia Regionale], Roma, 1965, p. 401.