BASSI Livio

n. 1918 Trapani. Tenente in s.p.e. A.A. (servizio permanente effettivo Arma Aeronautica), pilota.

Dal Collegio Militare di Napoli passò all’Accademia Aeronautica di Caserta e nel 1938 ottenne la nomina a sottotenente pilota in s.p.e. Assegnato prima ad una squadriglia da bombardamento del 34° stormo, con la promozione a tenente nell’aprile 1940, ottenne di essere trasferito nella specialità caccia terrestre. Frequentato un corsodi specializzazione presso l’aeroporto di Trapani, fu trasferito, dal 26 ottobre 1940, al 154° gruppo autonomo da caccia. Dopo avere partecipato a 63 azioni di guerra sul cielo della Grecia, ferito gravemente il 20 febbraio 1941, decedeva il 2 aprile successivo nell’Ospedale militare del Celio in Roma.

Arditissimo pilota da caccia di provato valore partecipava a numerose e alle più rischiose azioni di guerra compiute dal suo reparto abbattendo con azione individuale quattro velivoli nemici. Durante un bombardamento aereo sul proprio campo, eseguito da preponderanti forze aeree nemiche scortate da caccia, partiva subito in volo affrontando l’impari lotta con suprema audacia e slancio incomparabile, contribuendo a stroncare l’offesa avversaria e ad abbattere due apparecchi. Rimasto ferito, con il velivolo gravemente danneggiato anziché salvarsi col paracadute, tentava di rientrare al campo; ma, nel generoso tentativo, ai limiti del campo stesso rimaneva avvolto dalle fiamme sprigionatesi dai serbatoi forati. Gravemente ustionato veniva soccorso e trasportato all’ospedale dove, dopo due mesi di atroci sofferenze, sopportate con stoica fierezza, chiudeva serenamente la gloriosa giovane vita nella visione della Patria vittoriosa, già da lui tanto mirabilmente servita. Cielo della Grecia, ottobre 1940 – 20 febbraio 1941.


Gruppo Medaglie d’Oro al Valore Militare, Le Medaglie d’oro al Valore Militare, volume primo (1929-1941), [Tipografia Regionale], Roma, 1965, p. 577.