COBOLLI GIGLI Nicolò

n. a Torino il 30ottobre 1918 (Wikipedia). Sottotenente complemento A.A. (Arma Aeronautica), pilota.

Appartenente a vecchia famiglia triestina, partiva, diciottenne, per l’A.O. (Africa Orientale) ove rimaneva dall’ottobre 1936 alla fine del 1937 con incarico civile. Rimpatriato e conseguito il brevetto di pilota civile nel giugno 1938, si arruolava nel settembre dello stesso anno nell’Aeronautica e alla Scuola caccia di Castiglione del Lago, col brevetto di pilota militare, otteneva la promozione a sottotenente di complemento. Assegnato al 4° stormo C.T. (Caccia Terrestre), veniva collocato in congedo il 16 marzo 1940. Poco più di due mesi dopo, il 28 maggio, veniva richiamato e destinato al 51° stormo C.T. Passava poi, dal settembre al 59° stormo e col 24° gruppo C.T. partiva in volo per Tirana il 2 novembre trasferito all’Aeronautica dell’ Albania. Nel giugno 1940 aveva conseguita la laurea in scienze politiche presso la Università di Roma.

Pura espressione della gioventù del Littorio, chiedeva ed otteneva, giovanissimo ancora, di essere assegnato ad un reparto di aviazione da caccia. Pilota di eccezionale valore, gregario sicuro e fedele, combattente tenace ed aggressivo, in più scontri aerei, contribuiva ad infliggere al nemico la perdita di numerosi velivoli. Durante un combattimento contro preponderanti forze nemiche, dopo avere strenuamente ed eroicamente sostenuta la lotta asperrima, si slanciava in soccorso di un gregario che, tagliato fuori dalla formazione, stava per essere sopraffatto. Una raffica nemica, colpendolo in pieno, stroncava con la sua fiorente giovinezza, l’ultimo suo gesto generoso degno della nobiltà d’animo e dell’ardimento che aveva caratterizzato la sua vita. Cielo di Albania, novembre 1940 – 4 marzo 1941.


Gruppo Medaglie d’Oro al Valore Militare, Le Medaglie d’oro al Valore Militare, volume primo (1929-1941), [Tipografia Regionale], Roma, 1965, p. 584.