GABETTA Ermanno

n. a Castelletto di Branduzzo (Pavia) il 19 maggio 1912 (Wikipedia). Partigiano combattente.

Assolti gli obblighi di leva nella 7^ compagnia sanità a Firenze dal settembre 1935 al giugno 1936 ed impiegatosi, venne richiamato per mobilitazione nel giugno 1940. Destinato al 110° ospedale da campo, partecipò alle operazioni di guerra sulla frontiera alpina occidentale e dal dicembre successivo a quelle svoltesi sul fronte greco-albanese. Passò poi in Dalmazia e nell’agosto 1943 rientrò in Italia col reparto. Dopo l’armistizio rientrò in famiglia, e si diede alla lotta clandestina di resistenza facendo parte, fin dall’inizio, del Comitato locale di liberazione in qualità di ufficiale di collegamento col Comitato militare. Dopo essere stato per mesi l’animatore dei gappisti vogheresi, organizzò la Brigata garibaldina Gramigna della quale divenne vicecomandante. Col nome di battaglia Sandri si rese noto nella zona di Lungavilla; Verretto e Castelletto, nell’Oltrepò Pavese.

Dopo avere preso parte per oltre un anno alle più rischiose attività clandestine ed avere personalmente organizzato, condotto e compiuto ben 15 temerarie azioni vittoriose, veniva circondato, assieme a tre compagni, da circa 600 nemici. Rifiutava superbamente la resa e aperto il fuoco in condizioni disperate, combatteva strenuamente, per oltre cinque ore, finché cadeva con tutti i compagni meritando dal nemico il saluto delle armi e dalla Patria la consacrazione più pura. – Verretto, 2 gennaio 1945.


Gruppo Medaglie d’Oro al Valore Militare, Le Medaglie d’oro al Valore Militare, volume secondo (1942-1959), [Tipografia Regionale], Roma, 1965, p. 611.