MALAVASI Demos

n. a Novi di Modena il 29 aprile 1926 (Wikipedia). Partigiano combattente.

Nato da famiglia di modesti braccianti agricoli, fu costretto al lavoro non appena conseguita la licenza elementare superiore. Giovane vivace, intelligente e lavoratore intraprendente, era meccanico aggiustatore in una ditta locale. Dopo L’8 settembre 1943 entrò a far parte di una formazione G.A.P. (Gruppi di Azione Partigiana) dipendente dalla Brigata garibaldina Dimes, ove raggiunse il grado partigiano di tenente.

Primo fra i primi nelle più rischiose imprese, ardente di fede ed animato dal più puro entusiasmo, appena diciottenne partecipava alla dura lotta partigiana, rifulgendo in numerosi fatti d’arme per slancio leonino e per supremo sprezzo del pericolo. Durante un rastrellamento nemico, rimasto isolato con un compagno ferito, pur di non abbandonarlo, affrontava l’avversario soverchiante e dopo avere sostenuto l’impari lotta con il fuoco del suo mitra uccidendo tredici tedeschi, esaurite le munizioni impugnava la pistola e ne abbatteva altri due. Colpito a morte cadeva da eroe immolando la sua giovane esistenza per la resurrezione della Patria a nuovi destini. Pianura Modenese Rovereto, maggio – 1° dicembre 1944.


Gruppo Medaglie d’Oro al Valore Militare, Le Medaglie d’oro al Valore Militare, volume secondo (1942-1959), [Tipografia Regionale], Roma, 1965, p. 588.