CALZOLARI Alfredo

n. a Molinella (Bologna) il 12 febbraio 1897 (Wikipedia). Partigiano combattente.

Bracciante agricolo e poi autista, fu chiamato alle armi per mobilitazione il 23 settembre 1916 presso il Deposito del 68° reggimento fanteria. Nel marzo 1917 raggiunse la zona di guerra assegnato al 206° reggimento fanteria di marcia e prese parte alle operazioni per la conquista del Monte S. Marco. Fatto prigioniero dagli austriaci nel maggio 1918, rimpatriò nel gennaio 1919 e venne congedato. Nel corso della 2^ guerra mondiale, dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, entrò a far parte di una formazione partigiana operante nella zona di Bologna.

Eroico combattente, era tra i primi ad entrare nelle formazioni partigiane della sua zona e ad opporsi con le armi alla tracotanza avversaria, dimostrandosi audace ed abile combattente. Nel corso di duri combattimenti che precedettero la liberazione di una grande città, attaccava ripetutamente, alla testa del suo battaglione, reparti avversari in ripiegamento, infliggendo loro gravi perdite. Nel generoso tentativo di impedire l’esplosione dei bacini idrovori di una bonifica di grande importanza, minati dal nemico, guidava all’assalto i suoi uomini. Rimasto gravemente ferito in un violento corpo a corpo, rifiutava ogni soccorso e, sebbene in fin di vita, trovava l’energia per incitare i suoi dipendenti che riuscivano così, con supremo sforzo, a sopraffare l’avversario. Nobilissimo esempio di senso del dovere e amor di Patria. Molinella (Bologna), 8 settembre 1943 – 17 aprile 1945. (D.P. 11 settembre 1968).


Gruppo Medaglie d’Oro al Valore Militare, Le Medaglie d’oro al Valore Militare, volume terzo individuali (1941-1981), [Tipografia Regionale], Roma, 1982, p.64. (D.P. 11 settembre 1968).