CELETTO Pierino

n. a Gemona del Friuli (Udine) il 30marzo 1924 (Wikipedia). Partigiano combattente.

Studente universitario a Trieste nella facoltà di scienze politiche ed insegnante nella Scuola tecnica industriale di Gemona, fu uno dei primi ad aderire al movimento della resistenza iniziatosi dopo l’8 settembre 1943 nella zona di Gemona. Arruolatosi in una formazione della Brigata Osoppo, operò dapprima nella zona di Pielungo, trasferendosi poi a Ledis. Costituito il battaglione Prealpi, ne fu in un primo tempo il comandante ed in seguito il commissario politico.

Giovane ventenne animato da alto amore di Patria, vivificò con il suo ardore combattivo e con una capacità organizzativa, degna di età più matura, la resistenza partigiana nel Friuli, ricoprendo incarichi di responsabilità e di comando. Impegnato con la sua formazione in duro combattimento contro preponderanti forze nemiche e seriamente ferito ad una gamba, continuò a combattere in posto e solo più tardi consentì a farsi medicare. Febbricitante ed indebolito dalla perdita di sangue volle tornare dopo poche ore al combattimento, animando la resistenza dei partigiani. Colpito nuovamente e mortalmente, rifiutò ogni soccorso ed ogni speranza e chiese di morire sulla linea del fuoco, dicendosi contento di avere operato per la Italia e per il suo onore. La sicurezza della sua fede e la luce del suo sacrificio brillano esemplari per tutti i combattenti e per i giovani in particolar modo. Subiit Valle, 27 – 29 settembre 1944.


Gruppo Medaglie d’Oro al Valore Militare, Le Medaglie d’oro al Valore Militare, volume secondo (1942-1959), [Tipografia Regionale], Roma, 1965, p. 551.